background
logotype
image1 image2 image3 image4 image5 image6 image7 image8 image9 image10 image11

"OUTRUN" il ritorno (agli antichi splendori)

Outrun Logo blog ok

Chi non ricorda questo gioco….
io personalmente facevo i debiti con la sala giochi eheh...

Data di rilascio 1986

Un po’ di storia…
A bordo di una Ferrari Testarossa il protagonista, affiancato da una ragazza bionda, deve percorrere una serie di 5 livelli per arrivare al traguardo. Alla fine dei primi quattro il gioco presenta un bivio che rappresenta i due possibili scenari successivi. Gli scenari sono un massimo di 15 e si estendono a piramide dal livello di partenza. I percorsi presentano una difficoltà crescente da sinistra a destra. All’inizio è possibile anche selezionare il brano musicale che si desidera ascoltare durante il gioco, come se fosse la musica dell’autoradio. I brani sono quattro: Magical Sound Shower, Passing Breeze, Splash Wave e Step On Beat.
È uno dei videogames degli anni ottanta che gli amanti del genere ricordano più volentieri. Il cabinato di gioco in piedi “BASE” accorpava un volante che sfruttava la tecnologia di Force Feedback (fu il primo coin-op a supportarlo), che vibrava ad ogni urto con altre vetture oppure quando si finiva fuori strada mentre per la versione “DELUXE” il giocatore poteva addirittura sedersi e ad ogni curva tutto il blocco cabinato si inclinava a destra o sinistra.


IL RESTAURO
Eccoci di nuovo qui… oggi cercherò di descrivere ciò che ho fatto per riportare un mito  arcade al suo splendore originale.
arrivato così:

1


Presentava diversi problemi estetici su legno, plastiche e metalli.
Decido di smontare per primo la plancia per pulire tutto il sistema di meccanismi interni del volante che prevede anche l’uso di vibrazione (uno dei primi nel suo genere).

 Una volta smontato, l’interno si presentava così:

4 3 5

mmm… c’è da fare!
dopo aver smontato e pulito meticolosamente il tutto, provvedo a verificare l’integrità di tutti gli organi d’attrito, ingrassare tutte le parti ed infine rimonto la plancia.

67

Vediamo vediamo…

8  9 1

Adesso potrei stupirvi con effetti speciali mostrandovi come ho fatto a riparare tutto ciò, ma non lo farò hihihi!!!
Ho comunque provveduto a ricostruire le parti rotte ed eliminare le bruciature varie, e il risultato è questo:

9 2  9 3

Sono passati oramai diversi giorni e tante ore di lavoro, ma quando si ama il proprio lavoro il tempo vola.
Ed ora tocca ai pedali…

Prima:

9 4 9 5

Dopo:

9 6
Facciamo una pausa và… giusto per non farsi mancare nulla.

9 7 9 8

Proseguiamo ora alla riparazione del mobile…

E’ raro trovare mobili che abbiano legno multistrato, infatti anche l’outrun era in truciolato.
Bisogna comprendere che l’usura di questi giochi, oltre che all’età, era principalmente dovuto all’uso massiccio che questi giochi dovevano sopportare nelle sale giochi da parte di orde di ragazzini che morivano dalla voglia di sfidarsi e di grandi che in preda a raptus di mancato record, sfogavano le ire su questi poveri giochi.
Torniamo a noi…
Questo era lo stato iniziale:

9 9 9 9 1

Ed eccoci di nuovo qui… Ho finalmente finito il legno lavorandolo con resine apposite e stucco per legno.
Il risultato è questo:

9 9 2 9 9 3 9 9 4ho ricolorato griglie varie e provveduto a pulire l’interno del mobile, rifatta la plancia della cornice road map, pulito il tappetino e rincollato, ripristinate e ricolorate le gettoniere:

9 9 7  9 9 8

9 9 5 9 9 6

Siamo giunti alla fine…
mi sono proprio divertito, un gran bel gioco (magari alla fine ci giochicchio un po’, dai).
Per finire ho provveduto a ripristinare i Sideart con degli adesivi nuovi realizzati in ottimo materiale.
Spero di aver fatto cosa gradita nell’inserire questo ennesimo restauro e vi ricordo che a breve seguiranno altre recensioni di restauri già realizzati da me.

Vi lascio alle foto finali:

9 9 9 9 9 9 1

Un saluto in particolare al proprietario di questo gioco: Giopao, grande appassionato di giochi Sega e collezionista instancabile…

 

    Post your comments...

    2018  www.passionesega.com  - mardiago